CERCA

testata scuola

news

Il Mercatino dell’ITA

Una Nuova iniziativa contribuirà ad ampliare le opportunità di didattica innovativa, laboratoriale, inclusiva, già da tempo attuata all’IIS Mancini Tommasi, da martedì 12 aprile, giorno scelto per inaugurare un chiosco, presso la sede dell’Agrario. Ideato dalla lungimiranza del Dirigente scolastico, Graziella Cammalleri, nell’ambito di un progetto scaturito dalla collaborazione tra docenti, assistenti ed educatori del Convitto, per valorizzare le potenzialità della scuola, coinvolgendo tutte le risorse in modo sinergico, a favore degli allievi, con particolare attenzione a quelli più “fragili”, e, al contempo dare nuovo impulso alla diffusione dei buoni prodotti dell’azienda agraria. Perfettamente inserita nel contesto agreste, per lo stile rustico, in legno naturale, amovibile, a zero impatto ambientale, la casetta, situata lungo il viale interno di accesso, ospiterà i prodotti dell’azienda agraria del Tommasi, coltivati, lavorati, trasformati dagli alunni, secondo un calendario di apertura in giorni stabiliti.

Particolarmente entusiasti gli alunni tutti, che hanno gestito l’evento, seguiti da docenti ed educatori, affidando alla voce di un loro delegato il discorso di apertura, da cui si evince l’apprezzamento per l’impegno profuso, sempre, dal Dirigente per gli studenti dell’Agrario e l’azienda, l’entusiasmo per questo “dono”, che sapranno gestire ed utilizzare per accrescere esperienze di inclusione e condivisione.

“…siamo tutti qui riuniti per celebrare un momento festoso di aggregazione.

I tradizionali mercatini di Pasqua rappresentano per noi la speranza di un nuovo inizio e di ripresa di ogni tipo di attività finora limitata da questa pandemia. I prodotti dell'azienda e i lavoretti fatti dai nostri compagni "speciali" sono il frutto di un lavoro parsimonioso e gioioso.

Innanzitutto, noi tutti vogliamo porgere a Lei Preside un sincero e caloroso saluto di benvenuto nel plesso Tommasi. Siamo felici di ritrovarla tra noi.

Un ringraziamento va a Lei da parte di noi studenti, in ogni occasione ci dà la possibilità di farci conoscere le sue rime sempre significative e profonde.

Un altro grazie va per tutte le opportunità di attivazioni di idee, progetto educativi e didattici che hanno contribuito alla crescita culturale della nostra scuola che a noi studenti ci rende protagonisti principali. Questi momenti sono fondamentali per noi perché rappresentano un'occasione di riflessione su quanto la scuola è in grado di realizzare.

Grazie ancora.”

Con queste parole gli alunni del Tommasi hanno accolto il Dirigente, mettendosi subito all’opera per promuovere i prodotti in vendita e produrre la ricevuta di pagamento da consegnare all’acquirente. Presenti e pienamente coinvolti nella preparazione di semplici manufatti naturali (candele, sacchetti con erbe aromatiche per tisane, triturati di spezie per insaporire pietanze ecc.), cosi come nella vendita, i ragazzi “ più fragili”.

L’articolazione del progetto prevede la programmazione di turni che consentiranno la partecipazione di tutte le classi a rotazione.

Il progetto rientra a pieno nell’attività didattica, come esperienze dirette per abituare gli alunni, tutti, alla promozione dei prodotti, al rapporto con l’utenza, gli acquirenti, metterli a confronto con azioni direttamente connesse con il mondo del lavoro, prepararli ad un inserimento consapevole nella società, oltre la scuola.

Alla mattinata gioiosa, arricchita dalla esibizione di alcuni alunni di musiche e canti della nostra tradizione popolare, ha partecipato,

soddisfatta e commossa la Preside”, con il pensiero già rivolto ad altre, nuove opportunità che, presto, faranno crescere il prestigio, l’offerta formativa e il valore culturale, scientifico ed innovativo del plesso Tommasi, dell’IIS Mancini Tommasi nel suo insieme.

Felicita  Cinnante_Addetto stampa

Un evento di rilevanza mondiale avrà luogo nella nostra regione. In particolare, nel Comune di Rende, dove ieri, presso il Museo del Presente, si è tenuta la conferenza stampa ufficiale di presentazione. Si tratta della ventinovesima edizione del Concours Mondial de Bruxelles, che si terrà dal 9 al 22 maggio prossimi. Presenti le autorità, i rappresentanti delle istituzioni che aderiscono all'importante manifestazione che abbraccia uno dei settori strategici e più importanti per la Calabria. Il Sindaco di Rende ha espresso la sua soddisfazione per una opportunità unica per il territorio. Baudouin Havaux, Presidente Concours, ha indicato le motivazioni della scelta della Calabria nell' armonioso connubio mare/montagna, in virtù della varietà della sua produzione agroalimentare e per il costante incremento, in qualità e quantità, del settore vitivinicolo: ha quindi ringraziato Gennaro Convertini, referente del progetto, per aver insistito su questa scelta e per il lavoro profuso nell' organizzare dell’evento. L'assessore regionale Gallo si é detto soddisfatto: riuscire a portare tanti ospiti nella nostra regione, soprattutto in un momento tanto difficile per la pandemia, rappresenta un’occasione importantissima per far conoscere la parte migliore della Calabria, le sue risorse e potenzialità nell'enogastronomia, anche come veicolo di tradizioni, storia e cultura che, insieme al paesaggio, costituiscono le vere ricchezze su cui puntare. L'altra inestimabile ricchezza, su cui investire è quella dei giovani Calabresi, soprattutto quelli che hanno scelto l'istruzione tecnica o professionale, agraria, alberghiera, turistica. In tale direzione ha rivolto un ringraziamento all'Istituto “Mancini Tommasi”, che sarà direttamente coinvolto nell'iniziativa attraverso la partecipazione attiva degli alunni, nelle varie fasi, dal servizio di degustazione dei vini, alla preparazione di tipicità autoctone e predisposizione di percorsi turistici per gli ospiti. Una nuova grande sfida, come ha sottolineato il Dirigente Scolastico, Graziella Cammalleri, un’occasione eccezionale, per docenti e alunni della nostra scuola, di crescita professionale ed umana. A seguire, alcuni alunni dell'indirizzo di cucina e di sala, hanno offerto ai presenti un aperitivo benaugurale, servito in assoluta sicurezza, nel rispetto della normativa anti-Covid, rivisitate con fantasia: stuzzichini di tradizione, contenuti in scatoline per alimenti, monoporzione, personalizzate con il logo dell'istituto. Competenze, conoscenze, disponibilità, creatività, già apprezzate dai componenti della commissione organizzativa del concorso, in occasione di una colazione di lavoro, tenutasi martedì scorso, presso la sede centrale del “Mancini Tommasi” durante la quale gli ospiti hanno potuto degustare ottime pietanze preparate e servite con professionalità e passione dai nostri ragazzi. Apprezzato da tutti anche il servizio di Accoglienza Turistica svolto dagli allievi.

Felicita Cinnante_Addetto Stampa

5cd043ea 7519 4732 8120 aa8d88fc8f88 658d6f71 f97c 469d a8e9 d987c80c6b1c

562595fa 6813 4729 b3d8 ed0b655ec790 a73f7c5c 49a0 42d5 8a62 42fd9f7a4d56 

bb6eec11 0ab6 4bd6 a283 7673e69c9311 c00d7ca1 1f71 49f8 afaa e9a3e2ceaaba

dbbc841b 3d40 47f7 912a b0a869966584

 

PER ROBERTA

L'I.I.S. “Mancini Tommasi” ha partecipato alla cerimonia di intitolazione della scuola di Via Negroni a Roberta Lanzino, rispondendo, prontamente, alla richiesta dei genitori, Matilde e Franco, di contribuire alla celebrazione di questo evento.

L'antica e consolidata amicizia, il legame fattivo che, nel tempo, i genitori di Roberta hanno instaurato con il Dirigente Scolastico e la nostra scuola non poteva consentire un diniego.

Tutt'altro.

Anche in tempi ristretti, con tutte le problematiche dovute all'emergenza pandemia, abbiamo ottemperato alla richiesta, preparando un rinfresco, con salati e dolci tipici di questo periodo, preparati dagli alunni di cucina, nei nostri laboratori, e serviti dai ragazzi di sala.

Per onorare la memoria di Roberta, perché il suo sacrificio non resti vano, gli alunni del Tommasi hanno pensato di donare una pianta d'ulivo dell'azienda, provvedendo a piantarla nel giardino della scuola " Roberta Lanzino ".

Alla pianta è stata apposta una targa, recante l'incisione:

 “...e la colomba tornò a lui sul far della sera; ecco, essa aveva nel becco un ramoscello di ulivo.” (Genesi 8 /11)

La colomba, a richiamare la purezza della giovane, barbaramente violata e uccisa.

L'ulivo, pianta carica di valori simbolici, religiosi e laici: pace, riconciliazione, tenacia, vita, eternità.

Testimonianza ed esempio di imperitura memoria, di ciò che non deve, non dovrà più accadere. Al contrario il suo ricordo possa far germogliare, nei giovani, solo sentimenti di solidarietà, rispetto, lealtà, amicizia sincera.

Ed il sorriso di Roberta che irradia dalla gigantografia sulla parete della scuola, sia fiducioso monito della necessità di prevenire e contrastare la brutale disumanizzazione dell'uomo.

Felicita Cinnante- Addetto Stampa

Si è svolta a Scalea, nei giorni 14, 15, 16 dicembre, presso l'hotel Parco dei Principi,

la IV^ edizione dei “Master ARCA Calabria” , concorso riservato agli istituti operanti in Calabria e promosso da ARCA (Associazione Albergatori Riviera dei Cedri) in collaborazione con Fondazione ITS Elaia Calabria e associazione DidasCalabria. La manifestazione  mira a stimolare i ragazzi degli istituti professionali coinvolti, attraverso esperienze innovative e qualificanti, per le articolazioni: “Accoglienza turistica”, “Servizi di sala e di vendita”, “Enogastronomia” e con opzione “Prodotti dolciari artigianali e industriali”.

Erano ammessi a  partecipare all’iniziativa tutti gli allievi degli Istituti Professionali per i Servizi Alberghieri e della Ristorazione, iscritti alla IV e V classe per l’anno scolastico 2021\2022 con una media voto nelle materie professionalizzanti dell’indirizzo superiore a 7 (sette). 

 Per ciascun Master, le squadre dovevano essere così composte: 

  • Master “Enogastronomia – piccola pasticceria”, due allievi
  • Master “Servizi di sala e di vendita”, due allievi 
  • Master “Enogastronomia - cucina”, due allievi 
  • Master “Accoglienza Turistica”, due allievi.

I partecipanti alla sezione “Enogastronomia – piccola pasticceria” hanno dovuto realizzare e presentare alla commissione un dolce mignon, con "ingrediente" principale i “Fichi di Cosenza” DOP oppure la “Liquirizia di Calabria” DOP

I partecipanti alla sezione “Servizi di sala e di vendita” si sono sottoposti ad una prova di “degustazione alla cieca di un panel di vini rossi regionali”, preceduta da una sessione di presentazione  di vini rossi regionali, tenuta da un esperto della FIS Calabria. 

I partecipanti alla sezione “Enogastronomia - cucina” si sono cimentati nella preparazione e presentazione alla commissione,  per la prova eliminatoria, di un secondo piatto con elemento principale le alici.. Era obbligatorio l’uso esclusivo di prodotti italiani , con particolare riguardo alle tipicità del territorio di provenienza degli allievi concorrenti.

Le tre squadre  finaliste si sono cimentate in una prova a tempo per la preparazione di un primo piatto con un paniere di prodotti tipici calabresi misteriosi, svelati al momento.

Ai partecipanti alla sezione “Accoglienza turistica” era richiesta l'individuazione di un percorso, all'interno del borgo medievale di Scalea, da proporre ad un gruppo di tour operetor, con la strutturazione di un racconto di accompagnamento alla visita, sulla base della guida ai luoghi, fornita dagli organizzatori, con  una durata tra 15 e  20 minuti.

La prova di ogni squadra è stata sottoposta al giudizio di una Giuria composta in base alla tipologia di Master da:

  • un delegato nazionali della Federazione Italiana Cuochi, 
  • un delegato della Federazione Italiana Sommelier, 
  • un delegato della Confederazione Pasticcieri Italiani, 
  • un delegato della Associazione Direttori Albergo, 
  • un delegato della Federalberghi, 
  • un rappresentante dell’Amministrazione Comunale di Scalea, 
  • un delegato del GAL Riviera dei cedri, 
  • un rappresentante dell’ITS Elaia Calabria, 
  • un rappresentante dell’ARCA (organizzatore),
  • un rappresentante dell’associazione Didascalabria (organizzatore).

 

L'IIS MANCINI TOMMASI ha partecipato a tutte le sezioni di concorso , conseguendo un ottimo risultato, a conferma di una buona preparazione, di competenze tali da consentire performance di livello, nei settori scelti.

 A partire dall'indirizzo sala e vendita :

gli alunni Giorgia Scrivano della quinta M  e Eitvydas Santars della quinta N, accompagnati dal professor Giovanni Orlando, si sono classificati secondi , superando le due prove previste. 

Per il settore cucina hanno partecipato, accompagnati dal professor Fabbricatore , Alessandro Longobucco di quarta D e Alberto Cozzolino di quinta D, classificati secondi, nella pasticceria gli alunni Martina Cosentino e Rocco Scarpelli , entrambi della quarta C, hanno confermato il secondo posto nell'ordine della classifica.

 Particolare la situazione riguardo all'indirizzo " accoglienza turistica", che ha visto come unico partecipante l'istituto Mancini Tommasi, rappresentato dagli alunni Eduardo Morano e Aurora Cipolla della classe quarta R, accompagnati dalla professoressa Eleonora Mannone.

 

Motivo di particolare soddisfazione la scelta, rinnovata di anno in anno, del nostro Istituto di rilanciare un settore fondamentale per lo sviluppo di questa nostra terra, che può offrire concrete possibilità lavorative, soprattutto nell'ottica di coniugare turismo ed enogastronomia. 

Oltre a dimostrare come, anche negli istituti professionali e tecnici,  si approfondisce lo studio di storia, tradizioni, specificità e peculiarità di un territorio, che è cultura, conoscenza, sapere oltre al saper fare. 

A tutti i concorrenti e agli Istituti partecipanti è stato consegnato l'attestato di partecipazione con crediti formativi validi ai fini del PCTO (ex Alternanza Scuola Lavoro).

Felicità Cinnante- Addetto stampa

              bd7dddef a432 4655 824e 8c52c0cfe376                                           609cc4cf 23f9 48fa 81dc db42015f56b8           778998dd b6b1 4093 b865 1cc7d82a82e8                   5be5915b 2bdd 4a8e a8d4 91685399e87a                         f336aedb 1fdc 4e46 bf94 4f5fb2daf097

 

A testimoniare l'alta qualità dell'offerta formativa dell'IIS MANCINI TOMMASI, contribuiscono anche i riconoscimenti di alto livello, conquistati da Giovanni Orlando e Luca Mazzotta

 Il professore Giovanni Orlando, da tempo docente di sala bar presso il Mancini, è stato insignito dell'onorificenza di " GRAN MAESTRO DELLA RISTORAZIONE", a Grado, in provincia di Gorizia, dove si è tenuto, il nove dicembre il congresso di A.M.I.R.A. (Associazione maitre italiana ristoranti e alberghi dal 1955) . L'associazione assegna tali riconoscimenti con grande attenzione e rigore all'esperienza ed ai curricula. Ogni anno pochi sono i grandi Maestri designati, pertanto, rappresenta un importantissimo risultato professionale.

Luca Mazzotta, da poco in organico, presso il Tommasi, ha ottenuto " la Stella d'Oro al merito Professionale", nel corso dell'intronizzazione dei "Discepoli di Escoffer”.

Una manifestazione internazionale a cadenza biennale, che individua e premia persone che si sono contraddistinte nella ristorazione, in tutte le sue più varie espressioni, riportando significativi successi e rilevanti affermazioni professionali, che, per la prima volta, si è tenuta in Calabria, a Palmi il 06 dicembre,

lontano da Sanremo, sede abituale della manifestazione.

Lo spirito di Auguste Escoffier è valutare l’innovazione, l’evoluzione di nuove tecniche di lavorazione e la valorizzazione del territorio, mediante l'impiego di prodotti tipici nei piatti di cucina, nei dessert e nella gelateria.

Alla presenza del Presidente Europeo Pierre Alain Favre, sono state conferite 34 stelle d’Oro al merito professionale, a candidati provenienti da tutta Italia e dall’estero.  Tra questi lo Chef e Maestro pasticcere Luca Mazzotta menzionato per le diverse partecipazioni a competizioni e le numerose medaglie d’Oro, conquistate in molte competizioni di cucina calda a squadre, pasticceria, gelateria,  ma soprattutto nelle specialità di sculture artistiche di ghiaccio, zucchero, margarina e pane.

Congratulazioni e complimenti ad entrambi, certi che continueranno a trasferire agli alunni passione, entusiasmo, oltre che professionalità e competenze.

Felicita Cinnante - Addetto Stampa

              080cc9ef ebde 4cec af70 52a8160a4836 aaaa bbbb

 

"Una giornata di festa"!

Si questa espressione è ritornata in tutti gli interventi che ieri si sono susseguiti, nel corso della inaugurazione, presso l'ITA TOMMASI, di una parte dell'edificio sottoposto, da tempo, a lavori di ristrutturazione.

Abbiamo scelto di sottolineare la consegna delle aule pronte, limitando il numero dei partecipanti, per ragioni di sicurezza e prudenza, dettate dai numeri dei contagi Covid-19, che riprendono a crescere, con una cerimonia sobria, ma di forte valenza simbolica, per più di una ragione.

Erano presenti, con le rappresentanze apicali, le forze dell'ordine, Guardia di finanza e Arma dei Carabinieri, il Questore, il presidente della Provincia, on. Franco Iacucci, accompagnato dallo staff del settore edilizia scolastica dell'ente provincia, il Sindaco di Rende, insieme all'assessore della sua giunta, Romina Provenzano, l'assessore regionale all'agricoltura on. Gianluca Gallo, Monsignor Francesco Nole’, Arcivescovo di Cosenza.

La giornata, sin da subito si è manifestata positiva. A partire dall'imprevisto cielo terso, privo di nuvole, con un sole pieno che, oltre a rendere più gradevole e sicura la partecipazione, ha favorito la gestione logistica delle varie fasi dell’organizzazione, riuscendo, anche,  ad esaltare le bellezze naturalistiche e paesaggistiche, fruibili all'interno dei confini dell'istituto.

Certo, un impegno non irrilevante, cambiare in un paio d'ore tutta l'impostazione, prevista il giorno precedente, sotto una pioggia battente, che costringeva a pensare ad uno svolgimento solo in "interni".

Grazie al un lavoro di squadra, svolto in perfetta sintonia, in cui ciascuno ha agito secondo le proprie prerogative, i propri compiti ed ambiti di pertinenza,  prima delle 11,00 era già tutto predisposto  per la nuova organizzazione.

A dare il benvenuto agli ospiti, nel "campetto sportivo", allestito ad "aula magna a cielo aperto”,  il Dirigente scolastico.

La prof. Cammalleri ha sottolineato l'impegno profuso, sin dal suo insediamento, per rivitalizzare il Tecnico Agrario Tommasi, mediante una serie di interventi, la creazione della filiera corta con l'Alberghiero Mancini, saldando i rapporti tra i due istituti, attraverso una naturale reciprocità, produzione - trasformazione -proposta. Nel ringraziare tutti gli ospiti, il personale, docenti e non, gli alunni, il Dirigente ha ricordato l'esigenza di credere ed investire nei settori dell'agricoltura, dell'enogastronomia, collegati al turismo, alle tradizioni, alla storia e cultura del territorio, come reali , possibili, ambiti di  sviluppo e crescita, dell'occupazione, dell'economia per la Calabria.

Negli interventi a seguire, l'ing. Carravetta, a nome dei tecnici della provincia, ha dettagliato il tipo di intervento realizzato sulla struttura ed i finanziamenti adoperati.

Il presidente Iacucci, orgoglioso di quanto realizzato, anche attraverso una collaborazione costante, con gli interlocutori dell'Istituto, auspica la possibilità, che è divenuta, forse, necessità, di guardare, con volontà concreta, alla realizzazione dell'area urbana, Cosenza-Rende come opportunità, rispetto alla gestione e offerta di servizi, rispondenti alle nuove esigenze di un territorio, di fatto, senza soluzione di continuità. In tale direzione, immagina la possibilità di realizzare " il polo Agrario-Alberghiero dell'area Cosenza, Rende, Savuto, e quanti vogliano aggregarsi, per dar vita a centri di eccellenza del settore.

Il Sindaco di Rende, avv.  Manna, esprime compiacimento per una realtà, come il Tommasi, che non immaginava tanto organizzata ed operativa, se pure, vedendola dall'esterno, ne aveva sempre subito il fascino. Concorda sulle idee dell'on. Iacucci, nella consapevolezza, che i processi di maturazione per cambiamenti profondi, sono lenti , ma inarrestabili, confida nel lavoro di collaborazioni, sinergie, per innescare azioni di sviluppo socio-economico, anche in riferimento alle produzioni agroalimentari, citando il distretto del cibo, come opportunità da non vanificare.

Il momento più coinvolgente lo hanno suscitato, senza dubbio, gli interventi di alcuni alunni del Tommasi. Da punti di vista differenti, ciascuno ha raccontato la propria esperienza.

Tutti entusiasti del lavoro, della vicinanza di docenti, educatori del convitto, delle esperienze didattiche ed  extracurricolari, del rapporto empatico, che ha inciso sulla crescita culturale, specifica del settore, come in quella interiore, di cittadini, persone.

La sicurezza di chi è giunto, quasi, alla fine del percorso e l'emozione dei più " piccoli”, l'entusiasmo palpabile di ognuno, ha contagiato, in modo positivo, tutti i presenti.

Proprio da questo è partito l'intervento dell'Assessore Regionale all'Agricoltura, on.le Gallo, il quale ha accolto le voci dei giovani come " rottura di un modello paludato di iniziativa, con interventi istituzionali, ascoltati e riascoltati ".

L'assessore regionale è fiducioso rispetto alla possibilità, in prospettiva dei cinque anni di amministrazione, di realizzare un rilancio del settore, attraverso alcune parole chiave:

Tecnologia, applicata alle produzioni agricole; Formazione post diploma, sempre più elevata; Cooperazione, dialogo, collaborazione, attitudini mancate nella nostra regione, fondamentali per un ambito, quale é  l'agroalimentare, anche per le interconnessioni che si possono attivare con il turismo, le tradizioni, la storia, per realizzare una offerta ricettiva  capace di estendere fino a 10 mesi l'attività di accoglienza , per le potenzialità del territorio, dal clima, alla storia, ai prodotti di nicchia. Ciò che sarà fondamentale è la promozione di tutto quanto riusciamo a fare, produrre, valorizzandolo.

"Una giornata di festa", anche per la partecipazione del Vescovo Monsignor Francesco Nolè, che si è trattenuto per l'intera durata dell'iniziativa.

Colpito dall'istituto, dalla grinta del Dirigente, dal garbo degli alunni, ha invitato i giovani a far tesoro dell'ambiente, delle bellezze della terra di Calabria, al rispetto della natura.

È stato poi invitato dal Dirigente a compiere il rito “della condivisione del pane, bagnato con olio, accompagnato da vino”, tutti prodotti dell’azienda del Tommasi.

Un rito che va oltre l’interpretazione religiosa, cristiano-cattolica, che richiama il senso di una comunità solidale, coesa, che condivide, operosa, perché il pane è simbolo del lavoro , del legame uomo-terra.

Dopo il taglio del nastro, la visita ai locali inaugurati, guidati dai ragazzi di accoglienza turistica, gli ospiti si sono spostati nel piazzale antistante il convitto, dove hanno potuto gustare alcune prelibatezze tipiche cosentine, preparate dalla cucina del convitto e dai  ragazzi dell’alberghiero, servite  dagli alunni di sala.

Stupende le decorazioni realizzate con ortaggi e frutti dal cuoco del convitto, Luca Mazzotta.

Assaggiare il vino Svevo, del vigneto Tommasi, terminare con il taglio della torta, un grande quadrato che riproduceva l’immagine della locandina, ( la facciata del convitto e parte della villetta).

“Una giornata di festa “, tutti  lo hanno ribadito, tutti così la abbiamo vissuta.

Forse perché ciascuno ne avvertiva il bisogno, dopo quasi due anni di paura e isolamento forzato, un momento di serenità conviviale, in sicurezza.

Forse perché c’erano le giuste condizioni: scaldati dal sole, in un contesto bucolico, immersi nella semplicità meravigliosa della natura, gli animi si rasserenano.

Non importa quanto lavoro, fatica, tempo é costato a tutti, a ciascuno.

“Una giornata di festa” per il TOMMASI MANCINI, per i partecipanti tutti.

Felicita Cinnante- Addetto stampa

04eba7ab fd10 4710 9d65 2cb641abf9a0 38102f22 1dec 4502 8d69 f5f40bb63ed4 1561b7c9 30b4 469b 811a 127042ff66f7 44b954ff 39c1 4eb1 9a77 4f018ca100c0 5f978e57 0aa8 466e 8580 b2cd2968e8808b2fea72-aa42-4283-a8fc-335a21f26880.jpg  8753831c c442 494e 9a5c be4cf2b6bb3a 

Si è svolta, nella mattinata di ieri 27 novembre nel Salone degli Specchi della Provincia, nonostante l'allerta meteo ed i disagi provocati agli organizzatori, come al nostro Istituto, la Manifestazione organizzata dall’Accademia Italiana della Cucina.

Ma, guidati dall'inderogabile principio che tutti gli impegni vanno sempre onorati, in virtù della disponibilità del personale, docente e non, della loro capacità organizzativa, con l'impegno degli alunni residenti in città (per evitare pericoli negli spostamenti, causa condizioni meteorologiche avverse) abbiamo svolto il nostro compito.

Professionalità, serietà, nella degustazione di prodotti e piatti tipici della nostra terra, con l'enoteca regionale allestita in modo sobrio ed elegante, un colpo d'occhio di gradevolissimo impatto, in sintonia con la attenta accoglienza degli ospiti e le prelibate eccellenze enogastronomiche, proposte dalla fantasia degli chef.

Tutto firmato I. I. S. “MANCINI TOMMASI”.

L'Accademia, volendo sottolineare la professionalità del nostro Istituto, già testata in altre collaborazioni avute in passato, ha inteso rivolgere un riconoscimento ufficiale.

Nel corso del convegno è stato consegnato un piatto, simbolo dell'accademia al dirigente scolastico.

Nel ringraziare per l'attenzione gli organizzatori dell'iniziativa, in soli cinque minuti, rigorosamente consentiti per necessità di ristrettezza dei tempi, il nostro dirigente è riuscita a condensare tutte le più significative attività della scuola da lei guidata, dall'azienda agraria, con le sue produzioni, all'attenzione per l'accoglienza, la scelta di prediligere prodotti locali, diffondere i piatti della tradizione, anche rivisitati, all’importanza dell’ ITS IRIDEA sotto la presidenza della Prof.ssa Felicita Cinnante.

Puntare sull'attività laboratoriale, sul saper fare, sostanziato dal sapere, cioè conoscere storia, trazioni, che attengono alla cultura di un territorio, promuoverle nella realizzazione e proposta di piatti tipici. Il tutto strettamente legato e collegato alla sostenibilità, al rispetto dell'ambiente.

La capacità di sintesi e l'incisività del dirigente, hanno suscitato interesse e apprezzamento nella platea, tra gli ospiti e in molti si sono complimentati .

È il caso di affermare, che una buona  squadra ha bisogno di un buon capitano, per dare il meglio e raggiungere risultati notevoli e l’IIS “Mancini-Tommasi” ce l’ha!.

Felicita Cinnante- Addetto Stampa IIS "Mancini-Tommasi"

foro 1    foro 2 

foto 3     foto 4

foto 5   foto 6

4d1526cc 6202 425a 9926 9e1600f2536b  0317c470 d8fa 4454 8572 aed88a8ea31e

  

#VIVERE ALL'ITALIANA

Prosegue l'impegno dell’ISTITUTO “MANCINI TOMMASI”, nella collaborazione con enti, pubblici o privati, realtà associative , legate al settore dell'enogastronomia, delle tipicità, in quanto a prodotti e preparazioni.

Sabato 27 novembre, presso il salone degli Specchi della Provincia alle 10,30 " L'ACCADEMIA ITALIANA DELLA CUCINA", come delegazione di Cosenza, guidata da Rosario Branda, in occasione della VI SETTIMANA DELLA CUCINA ITALIANA NEL MONDO, terrà un incontro sul tema:

" La cucina di territorio tra tipicità, tradizione e sostenibilità".

Temi cari per noi, al centro della nostra offerta formativa.

Dopo gli interventi dei relatori previsti in locandina, la consegna dei diplomi di " BUONA CUCINA" , 2020/21, destinati a chef , ristoratori, produttori del territorio, l'iniziativa proseguirà con la degustazione di prodotti e preparazioni tipiche, curata da docenti ed alunni del Mancini Tommasi, nei locali dell'enoteca regionale.

È una collaborazione che si ripete.

Già negli anni scorsi, L'ACCADEMIA si è avvalsa del supporto della nostra scuola, segno inequivocabile di apprezzamento e riconoscimento di professionalità e competenza.

Ragione in più per aumentare gli standards di qualità e performance degli alunni che formiamo.

Felicita Cinnante, Addetto Stampa

piripi

" Il GREEN GAME "

Mercoledì 10 novembre, si è svolto il "GREEN GAME" cui hanno partecipato alcune classi del nostro Istituto, (sei Prime dell'Alberghiero e due Prime dell'Agrario, sei Seconde Alberghiero e due Seconde Agrario). Il Format GREEN GAME utilizza il concetto di “gara” tra ragazzi per trasferire, in maniera innovativa e coinvolgente, valori e nozioni sulla corretta Raccolta Differenziata, proposte dai Consorzi Nazionali per la Raccolta, il Recupero e il Riciclo degli Imballaggi: CIAL, COMIECO, COREPLA, COREVE, RICREA con il Patrocinio del MINISTERO DELLA TRANSIZIONE ECOLOGICA.

In ogni evento sarà possibile:

  • Trasferire informazioni attraverso la lezione del relatore;
  • Misurare la performance dei ragazzi;
  • Creare un incontro istruttivo e divertente attraverso la «gamification».

L’obiettivo è duplice:

creare un EVENTO COINVOLGENTE;

suggerire buone pratiche su RACCOLTA DIFFERENZIATA e SOSTENIBILITA ’AMBIENTALE.

La gara segue il format del quiz. I ragazzi, a scuola o a casa, si collegano al sito www.greengame.it nella sezione dedicata e si sfidano, applicando le conoscenze apprese durante la lezione video del relatore, rispondendo a domande multi-risposta a tempo. Lo studente che otterrà il punteggio più alto vincerà l’appuntamento, aggiudicandosi un premio. La classe che ottiene il punteggio medio più alto passa alla FINALE NAZIONALE GREEN GAME DIGITAL.

La durata dell’evento è di 60 minuti circa. Nella giornata di ieri, 15 novembre il professore Musolino, che ha curato la partecipazione all'evento, è stato informato dall' Ufficio Didattica della Società Peaktime srl, che gestisce il format, dei risultati: le classi 2^ E, Alberghiero e 1^A, Agrario, hanno superato la prima selezione e sono passate alla Finale Nazionale. La classi 2^A, Alberghiero, 1^B, Agrario parteciperanno al ripescaggio, ossia se il punteggio raggiunto sarà tra i migliori 10 tra le 2^ classificate al termine del tour, potranno anch’esse partecipare alla Finale.

Il Buono Amazon è stato vinto da: Daniele Mancuso e abbiamo già provveduto ad inviare una email al vincitore, chiedendo i dati di uno dei genitori/tutori ai quali verrà inviato il buono.

Complimenti ai nostri ragazzi, che si sono distinti con la performance vincente, ai docenti che li hanno seguiti, in questa esperienza perfettamente coerente con le linee di indirizzo della Dirigenza, approvate dal Collegio docenti, che affronta temi trasversali nella offerta didattica dell'IIS “Mancini - Tommasi”.

La FINALISSIMA è prevista sempre a distanza. Tutti gli studenti delle classi finaliste si collegheranno al sito www.greengame.it nella sezione dedicata e parteciperanno ad un’emozionante sfida digitale con una coinvolgente gara a quiz a livello nazionale. Il Vincitore, con la sua classe, sarà Campione Nazionale Green Game Digital 2021! Aggiudicandosi importanti premi per la Scuola e per la classe! Attendiamo fiduciosi "nuovi trionfi".

Felicita Cinnante, Addetto stampa

Utilizzo dei cookie

Questo sito utilizza cookie di tipo tecnico, per cui le informazioni raccolte non saranno utilizzate per finalità commerciali nè comunicate a terze parti.
Potrebbero essere presenti collegamenti esterni (esempio social, youtube, maps) per le cui policy si rimanda ai portali collegati, in quanto tali cookie non vengono trattati da questo sito.